Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.


Eventi e speciali

Altrove: Yang Fudong

Informazioni utili

  • Categoria: Mostre e mostre mercato
  • Dal 26/07/2014 al 04/09/2014
  • Dove: Gagliano Del Capo
  • Indirizzo: via XXIV Maggio e via Bisanti
  • Costo: Ingresso libero
  • Orario: tutti i giorni dalle 19 alle 23
  • Organizzatori: Capo d'Arte

 

Il Salento si apre a mondi artistici nuovi
con la mostra

Altrove: Yang Fudong

Dal 26 luglio al 4 settembre si rinnova l'appuntamento estivo con l'arte contemporanea  proposto da Capo d'Arte. Quest'anno Gagliano del Capo (Lecce) apre i suoi luoghi storici alle opere dell'artista cinese celebrato in tutto mondo Yang Fudong, con una mostra curata da Davide Quadrio e Massimo Torrigiani.

Lecce 25 Luglio 2014 - Dal suo speciale luogo di osservazione, il Salento finis terrae, Capo d'Arte 2014 si rigenera affacciandosi su mondi artistici sconosciuti e fa dell'esplorazione dell'arte di altri continenti il suo obiettivo per il futuro. Punta l'immaginazione su luoghi di frontiera, incontro e contrasto, attraverso l'opera di artisti che  in tutto il mondo affrontano le questioni dei limiti e dei confini geografici e culturali: dall'Asia all'Africa, dal Sud America all'Europa.  

"La mostra si inserisce in un percorso iniziato dall'Associazione Capo d'Arte nel 2010 con l'obiettivo di promuovere l'arte contemporanea in Salento e di far conoscere mondi artistici nuovi, - spiega Francesco Petrucci, Presidente dell'Associazione - nelle precedenti edizioni la comunità locale e noi organizzatori abbiamo imparato ad apprezzare l'apparente contrasto tra i linguaggi più avanzati della scena artistica internazionale e il tessuto urbano di un piccolo paese a Sud del Salento, carico di storia e suggestioni e con un genius loci presente e definito.  L'efficacia di questo dialogo tra arte contemporanea e territorio diffuso risiede proprio nella creare un corto circuito che stimoli non solo stupore e meraviglia ma anche riflessione e ricerca".

Quest'anno in particolare Capo d'Arte esplora l'arte contemporanea cinese, espressione di una delle culture globali più profonde influenti e ignote, con la mostra Altrove: YANG FUDONG che prevede l'esibizione di una serie di video che testimoniano il corpo centrale dell'opera di Yang Fudong, insieme a un'installazione sonora nella piazza principale del paese. 

"Il titolo della mostra è ALTROVE - aggiunge Petrucci - perché il Salento, con la sua posizione geografica al centro del Mediterraneo, è anche un avamposto per guardare "altrove" ed esplorare mondi artistici lontani. E quest'anno, l'Oriente italiano si affaccia all'Estremo Oriente per incontrare i lavori del più acclamato video artista cinese". 

Curata da Davide Quadrio e Massimo Torrigiani, direttore artistico di Capo d'Arte per il triennio 2014-16, sarà inaugurata il 26 luglio e si concluderà il 4 settembre presso alcuni luoghi storici di Gagliano del Capo: dall'edificio patrizio Palazzo Comi (sede della Fondazione Via Vai) ad alcune abitazioni riaperte per l'iniziativa. La mostra di Yang Fudong sarà aperta al pubblico tutti i giorni dalle 19 alle 23 con ingresso libero (via XXIV Maggio e via Bisanti Gagliano del Capo - Lecce). 

Un'occasione unica, quindi, per conoscere le opere di Yang Fudong, un artista celebrato globalmente ma ancora poco conosciuto in Italia.

"Yang Fudong - racconta Davide Quadrio - ha contribuito a portare la nuova creatività cinese al centro della scena internazionale. Autore di video, pittore e innovatore, la sua influenza si estende anche al cinema e alla fotografia. Il cinema con le sue specificità culturali non è per lui oggetto di contemplazione o satira, ma strumenti della sua cassetta degli attrezzi che sovrappone e alterna fluidamente agli strumenti delle arti visive".

"Nel suo lavoro di estremo rigore estetico e tecnico - aggiunge Massimo Torrigiani -passato e presente si fondono in un immaginario onirico, polarizzato tra il favoloso e il grottesco, che prende le mosse, tra una miriade di influenze e rimandi, anche dalla cultura modernista di Shanghai. Città di porto e di frontiera, crocevia di culture dove intorno al 1920 ha preso vita la prima forma di modernismo cinese. Una cultura sommersa per decenni, che adesso riaffiora in modi e forme trasfigurate: una matrice che rende la città luogo dall'immaginario globale unico e diverso". 


Link utili

ClioCom © copyright 2019 - Clio S.r.l. Lecce - Tutti i diritti riservati