Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.


Eventi e speciali

Musica da camera d’epoca romantica

Musica da camera d’epoca romantica

Sestetto d’Archi

Appartiene a...

Informazioni utili

  • Categoria: Concerti / Musica
  • Data: 31/03/2017
  • Dove: Lecce
  • Indirizzo: Auditorium - Via Vincenzo Ciardo, 2
  • Orario: 19.30

Musica da camera d’epoca romantica

Musiche di Brahms e Cajkosvskij

Proseguono con grande successo i concerti organizzati dal Conservatorio “Tito Schipa”.

Il sestetto è costituito da: Francesco Sabato, violino; Marcello Baldasarre, violino; Fernando Toma, viola; Armando Ciardo, viola; Rosa Andriulli, violoncello; Giuseppe Grassi, violoncello ed eseguirà musiche di J. Brahms e P.I. Cajkosvskij.

In programma J. Brahms: sestetto n°1 in si bemolle maggiore per archi, op. 18 Allegro ma non troppo; Tema con variazioni: Andante, ma moderato. Scherzo. Allegro molto. Trio: Animato; Rondò. Poco Allegretto e grazioso. P.J. Cajkovskij: souvenir de Florence in re maggiore, op. 70 Allegro con spirito; Adagio cantabile e con moto; Allegretto moderato; Allegro vivace. Il Sestetto op.18 è la prima grande partitura di musica da camera in cui Brahms si dimostrò pienamente padrone dei suoi mezzi. Con grande abilità riuscì ad evitare il rischio di monocromia insito in questa formazione, aggregando i sei strumenti in tutte le combinazioni possibili. Lo spirito è sorridente, disteso, fresco e amabile. Poco prima di morire Brahms definirà questo Sestetto una delle sue cose migliori, in quanto segnava l'inizio di quell'ininterrotto lavoro di recupero della tradizione classica che sarebbe stato lo scopo di tutto il suo operare artistico. La produzione di musica da camera per archi di Cajkovskij non è molto cospicua, anche se indicativa della ricca vena melodica dell'autore, e comprende alcuni Adagi e Allegri per trio, quartetto e quintetto d'archi, composti fra il 1862 e il 1865. il Sestetto per archi in re minore per due violini, due viole, violoncello e contrabbasso, conosciuto con il sottotitolo di "Souvenir de Florence", perché vuole essere un omaggio affettuoso alla città toscana, dove il musicista trascorse un riposante soggiorno nell'inverno del 1890, nel complesso rispecchia uno stile di marcia russa, specie nei suoi accenti vivaci e popolareschi.

Ingresso gratuito


Galleria immagini

Link utili

Come raggiungere la località in cui si tiene l'evento

ClioCom © copyright 2020 - Clio S.r.l. Lecce - Tutti i diritti riservati