Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.


Eventi e speciali

La bambina dei salti

La bambina dei salti

Edgar Borges presenta il suo libro

Informazioni utili

  • Categoria: Pubblicazioni
  • Data: 19/03/2019
  • Dove: Lecce
  • Indirizzo: Fondo Verri - Via Santa Maria del Paradiso, 8
  • Orario: 20.00

La bambina dei salti

Musicaos Editore

Dal 18 marzo al 20 marzo 2019, Edgar Borges, autore venezuelano, residente a Madrid da diversi anni, sarà nel Salento per un giro di presentazioni del suo ultimo romanzo.

“Il silenzio come forma di contrasto alla guerra di opinioni” con Edgar Borges e Patrizia Caffiero, Diego Símini, Mauro Marino, Luciano Pagano

L'autore. Edgar Borges è nato a Caracas, in Venezuela, il 24 aprile del 1966. Risiede in Spagna dal 2007, nella sua opera la finzione è una forza inerente all’essere umano, capace di abbattere e costruire la realtà. Posti dinanzi alle circostanze, i suoi personaggi devono decidere se essere fiches in mano al destino o creatori di una nuova possibilità. La struttura della sua narrativa implode la realtà e la trasforma.

Il libro. Antonia è una donna che vive intrappolata nel labirinto del suo matrimonio. Suo marito controlla non solo la sua realtà, ma anche quella di Santolaya, il piccolo paese dove si svolgono gli eventi narrati da Edgar Borges. Attraverso un torneo di poker l’uomo riesce a stabilire la routine del luogo, i cui abitanti dipendono da un suo sguardo. Antonia è in sintonia col sorriso della bambina, figlia di entrambi, che salta invece di camminare. A Santolaya, un giorno, giungono quattro impostori disposti a leggere poesie nelle strade, per combattere la noia che sta devastando il mondo. Il gruppo muta sempre le proprie identità, a seconda di come ritiene opportuno. César Aira, Virginia Woolf, Ana María Matute e Georges Perec sono solo alcuni degli scrittori interpretati dai quattro personaggi. Perché “La bambina dei salti” è una storia impregnata dall’amore per i libri e la letteratura. Durante la storia delle disgrazie di Antonia si intrecceranno infatti frammenti di poesie di autori “beat” come Diane di Prima o Elise Cowen “Volevo una figa di piacere dorato/ più pura dell’eroina/ Per onorarti”. “La bambina dei salti” (2018) giunge in Italia preceduto dalle grandi lodi della critica spagnola. È stato scritto che quest’opera è una metafora del desiderio di liberazione del corpo femminile, e il romanzo è stato anche interpretato come un’allegoria della morte dell’infanzia. L’attrice Mamen Camacho, giustamente, ha detto che la lettura di questo romanzo “l’ha ubriacata”, per l’effetto che il romanzo raggiunge dopo la sua conclusione. “Un romanzo poderoso, che lascia un’impronta nelle lettere contemporanee, situando Edgar Borges tra i riferimenti della letteratura latinoamericana di questo secolo” Gabriela Guerra Rey, Culturamas “La bambina dei salti è una storia straziante ma soprattutto, estremamente bella, una boccata di letteratura eccellente, che angoscia, intrappola, commuove e illumina, in parti uguali”, Natalio Blanco, Diario 16 “L’immaginario di Edgar Borges trascende qualsiasi argomento per affermarsi come un tassello fondamentale della recente narrativa ispano-americana” David González, El cajón de Gatsby.


Galleria immagini

Link utili

Come raggiungere la località in cui si tiene l'evento

ClioCom © copyright 2020 - Clio S.r.l. Lecce - Tutti i diritti riservati