Eventi e speciali

Alice e le altre. Il cinema delle donne

Alice e le altre. Il cinema delle donne

Racconti, sogni e visioni

Informazioni utili

Alice e le altre

Il femminismo in tutte le sue manifestazioni

Riparte "Alice e le Altre - Racconti Sogni Visioni", rassegna curata da Simona Cleopazzo e organizzata in collaborazione da Ammirato Culture House e Musagetes, per raccontare e approfondire attraverso proiezioni, incontri, laboratori il tema del femminismo in tutte le sue manifestazioni. “Elles tournent!” diceva Alice Guy, prima regista nella storia del cinema, invitando le donne a "girare", a fare cinema. “Alice e le altre” ha riflettuto sul suo invito e ha dato spazio a quelle donne che il cinema lo “fanno”, lo amano, lo seguono, lo interpretano. Una piccola rassegna "senza riflettori, né tappeti rossi", che anche nel corso del 2017 offrirà l'opportunità di conoscere i racconti, i sogni, le visioni di registe e di protagoniste per recuperare il senso di appartenenza alla collettività femminile. 

Il programma - ore 19.00 - Ingresso libero con tessera

29 gennaio

- Presentazione del libro "La resistenza della differenza" (Mimesis Edizioni) della sociologa e scrittrice irene Strazzeri che dialoga con la psicologa Ines Rielli.

- Proiezione del documentario "She’s beautiful when she’s angry", uno sguardo alle donne coraggiose e brillanti che hanno guidato i movimenti femministi degli anni '60, tema ancora d'attualità per chi subisce discriminazioni di genere.

26 febbraio

- Proiezione del cortometraggio di Frederic Doazan "Supervenus" e del film di Jennifer Siebel "Miss Representation", due lavori sul tema del corpo della donna e della sua strumentalizzazione da parte dei media, che ne stanno progressivamente cancellando l'identità sotto lo sguardo di tutti ma senza che vi sia un’adeguata reazione, nemmeno da parte delle donne medesime.

26 marzo

- Appuntamento con “Femminismo!” di Paola Columba, uno sguardo militante sul ruolo della donna. Dalle battaglie femministe degli anni ’70 alle ragazze della Youtube generation, alle Pussy Riot e Femen.

23 aprile

- Film documentario di Paolo Serbandini e Giovanna Massimetti “211: Anna” che ripercorre tutta la carriera di Anna Politkovskaya, contiene immagini inedite e rare della giovinezza di Anna e propone sue testimonianze filmate nei mesi precedenti il suo omicidio.

21 maggio

- Proiezione di "The punk singer” di Sini Anderson, documentario che racconta la personalità artistica di Kathleen Hanna, giovane musicista punk rock degli anni ’90, che ha fondato il movimento femminista chiamato Riot Grrrl.

23 giugno

- Proiezione di "Pina" di Wim Wenders, un "memoriale" sulla geniale coreografa Pina Bausch, icona dell'arte che che ha regalato alla danza un linguaggio nuovo. Un lavoro che si rivolge in modo particolare agli amanti della danza ma il forte sentimento con cui è realizzato riesce a scavare nell’animo di un pubblico più vasto, facendo scoprire il mondo di Pina Bausch.

23 luglio

- Doppio appuntamento: “La pazza della porta accanto” di Antonietta De Lillo, il racconto delle conversazioni tra la regista e Alda Merini. Con la sua naturale schiettezza, Merini si apre a pensieri sul peccato, l'anima, l'isolamento, l'ipervalutazione dell'amore, i clichés sulla santità dei poeti, la morte, l'esperienza dell'ospedale psichiatrico, la religione, il terribile distacco dai figli per via della malattia. Su tutto, il male contemporaneo dell'indifferenza. A seguire “Love Marilyn, i diari segreti” di Liz Garbus, un piccolo grande tesoro di lettere, poesie, appunti, pagine di diario nei quali Marilyn Monroe parla soprattutto a se stessa, si esorta a fare meglio, riconosce il ruolo delle persone a lei vicine, distingue con grande lucidità la sua persona dal personaggio che lei stessa ha creato e che ha prodotto il suo successo e la sua gabbia.

20 settembre

- Proiezione di “What happened, Miss Simone?” di Liz Garbus che racconta la di Eunice Kathleen Waymon, in arte Nina Simone, dagli inizi come prodigio del pianoforte classico, ai primi successi come cantante e pianista, all’impegno politico, fino agli aspetti più delicati della sua vita personale.

29 ottobre

- “Carla Lonzi” raccontata da Gianna Mazzini, documentario dedicato alla prima femminista dell'autocoscienza e della differenza sessuale, fondatrice delle edizioni di Rivolta femminile dai primissimi anni '70. Segue la proiezione de “I quaderni di Luisa” di Isabella Sandri: la vita di Luisa, sposa a 18 anni con un marito - padrone che non ama e che non la ama, nel tempo la protagonista riesce a confidare anche le sue prime ribellioni e il suo dolore che altrimenti resterebbe inascoltato. A chiudere la serata la proiezione di "Goliarda Sapienza" del cortometraggio di Manuela Vigorita di Loredana Rotondo dedicato all'attrice e scrittrice italiana che crebbe, per volere dei genitori, in un clima di assoluta libertà da vincoli sociali: il padre ritenne opportuno non farle nemmeno frequentare la scuola, per evitare che la figlia fosse soggetta a imposizioni e influenze fasciste.

26 novembre

- Laboratorio di scrittura "Diari e Femminismo", durante il quale sarà definita, insieme ai partecipanti, la programmazione delle proiezioni di dicembre. Dopo il laboratorio proiezione di “Tremate, le streghe son tornate…” docufilm in cui la professoressa Elda Guerra analizza il periodo che va dal 1970, in cui esce il “Manifesto di rivolta femminile” e il 1981, anno in cui dal codice penale escono due norme ormai “antiche”: il delitto d’'onore e il matrimonio riparatore che davano grandi attenuanti agli autori di violenze sulle donne.

In programma...

Eventi in agenda
Titolo Categoria Data
La resistenza della differenza Pubblicazioni il 29/01/2017
Io sono mia Pubblicazioni il 26/02/2017
Pina Pubblicazioni il 26/03/2017
What happened, Miss Simone? Pubblicazioni il 28/05/2017

Galleria immagini

Link utili

Come raggiungere la località in cui si tiene l'evento

ClioCom © copyright 2017 - Clio S.r.l. Lecce - Tutti i diritti riservati