Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.


Eventi e speciali

L'uomo che cammina nudo

Per "Fortezza in Opera"

Appartiene a...

Informazioni utili

  • Categoria: Teatro
  • Data: 12/05/2019
  • Dove: Spongano
  • Indirizzo: Teatro Sotterraneo - Ipogeo Bacile - Piazza bacile
  • Costo: €8 intero - €5 ridotto per under 30 e over 65
  • Orario: 21.00

L'uomo che cammina nudo

Spettacolo dedicato a Pino Pascali

Nell’affrontare le testimonianze e i testi scelti per l’adattamento teatrale, i registi Clarita Di Giovanni e Francesco Suriano costruiscono otto quadri che prendono il via nel 30 agosto 1968, giorno in cui il corpo di Pino Pascali (1935-1968) giace in coma al pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni di Roma. Poche ore prima ha subito un fatale incidente in moto finendo contro una parete nel tunnel del Muro Torto, appena due mesi dopo l’accoglienza alla travagliata Biennale veneziana sessantottina che lo aveva indicato come tra i più interessanti artisti della sua epoca. Nei dieci giorni del suo coma vigile Pascali “ascolta” il mondo che gli ruota attorno: dall’assistenza medica ai tanti amici e i familiari che affollano la corsia per avere notizie. Gli incontri, e a distanza le voci che affiorano, innescano un flusso di memoria con cui l’artista si confronta con gli interlocutori e se stesso nell’ultima settimana di vita. A 50 anni dalla sua morte gli autori, nell’elaborare la drammaturgia di un artista così eclettico e divenuto con la morte prematura presto incline alla leggenda, si sono concentrati esclusivamente su quelle parti di testi e testimonianze che rinviando all’opera, ne convalidassero l’essenza epistemologica rigorosa, mai fantasiosa o discutibile. Incomodo in quelle classificazioni in cui era costretto, ancora dure a morire in un’epoca da cui straripava, Pascali, quasi a capovolgere l’ironia che ne pervase l’opera, fu il più severo e rigoroso analista del suo stesso percorso.

Tratto dall’omonimo testo di Anna D’Elia (ed. Peccolo 2018) e da Carla Lonzi “Discorsi” (Marcatrè 1967).

Adattamento teatrale e regia Clarita Di Giovanni e Francesco Suriano
Musiche e sound design Stefano Gramitto Ricci
Costumi Luigi Bonanno
Oggetti scenici Maria Teresa Padula
Collaborazione video Francesco Cordio


Link utili

ClioCom © copyright 2019 - Clio S.r.l. Lecce - Tutti i diritti riservati