Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.


Architetto, scultore Giuseppe Zimbalo

Particolare Facciata Santa Croce -Giuseppe Zimbalo
Categoria: Personaggi illustri
Periodo: (Lecce 1617-1710)
Lecce

Architetto

La vita

Giuseppe Zimbalo nato a Lecce nel 1620, ereditò l’arte di architetto che fu tramandata dal nonno a suo padre Sigismondo.
Francesco Antonio Zimbalo (nonno di Giuseppe Zimbalo) fu uno dei maggiori scultori degli inizi del Seicento; nel 1606 aveva realizzato le tre porte di accesso della chiesa leccese di Santa Croce.
Il legame nonno-nipote fra Francesco Antonio e Giuseppe Zimbalo è importante per comprendere come tutta l'architettura barocca leccese scivoli di fatto sul sottile filo rosso di una parentela.

Il soprannome Zingarello di fatto è l'italianizzazione del termine dialettale "Zimbarieddhu" ovvero il piccolo Zimbalo, assegnatoli per distinguerlo dal padre Sigismondo a causa dal lavoro effettuato da entrambi. Giuseppe Zimbalo, detto lo Zingarello, fu uno dei più famosi e imitati architetti e scultori italiano che caratterizzò il barocco leccese; (fonte 1)


Oltre alla facciata inferiore del Convegno dei Celestini, attuale sede della Provincia di Lecce, costruì numerose chiese, tra le quali il Duomo, la Chiesa del Rosario e la Basilica di Santa Croce insieme all’architetto Gabriele Riccardo; fu anche autore di alcuni altari dell’interno ed erse la colonna di Sant’Oronzo nell’omonima piazza di Lecce per voto cittadino durante la peste del 1656. (fonte 2)


Le opere
Il palazzo dei Celestini venne costruito a partire dal 1549 su disegno del Riccardi, nel seicento proseguirono i lavori sotto la direzione di Giuseppe Zimbalo che operò sul primo livello del lungo prospetto principale la restante parte invece fu realizzata da Giuseppe Cino, allievo di Zimbalo.

Il Duomo, collocato nell’omonima piazza, fu costruito nel 1144 ma dopo venne ristrutturato da Giuseppe Zimbalo nel 1659 per volere del vescovo Luigi Pappacoda.

La Chiesa di San Giovanni Battista o Chiesa del Rosario fu costruita per i Domenicani da Giuseppe Zimbalo il quale contribuì anche personalmente per il finanziamento, è dal 1914 una chiesa parrocchiale ed in essa l’architetto leccese raccomando di trovare sepoltura.

La Basilica di Santa Croce è una chiesa situata nel centro storico di Lecce e costituisce uno dei maggiori complessi architettonici della città. I lavori per la costruzione della basilica si prolungarono per due secoli, fra il XVI e il XVII, e videro coinvolti i più importanti architetti cittadini dell'epoca. La prima fase della costruzione, cominciata nel 1549, una successiva fase dei lavori fu nel 1606, durante la quale vennero aggiunti alla facciata i tre portali decorati dal nonno di Giuseppe Zimbalo (Francesco Antonio Zimbalo); completarono successivamente l’ opera Giuseppe Zimbalo assieme a Cesare Penna i quali è dovuta la costruzione della parte superiore della facciata, il rosone e il fastigio alla sommità della struttura (fonte 1

 La Colonna di Sant’Oronzo, è alta circa 29 metri e sulla sommità e situata la statua del patrono, la colonna venne eretta in segno di gratitudine a sant’Oronzo e fu realizzata utilizzando le pietre di marmo di una delle due colonna romane crollate2, i lavori furono guidati da Giuseppe Zimbalo, il quale costruì il basamento in pietra animato da balaustre e statue, rastremò i pezzi di marmo che risultavano scheggiati a causa del crollo (fonte 1)


Fonte: (fonte 1) wikipedia (fonte 2) www.imonumenti.it

Visualizza la galleria immagini del personaggio

ClioCom © copyright 2020 - Clio S.r.l. Lecce - Tutti i diritti riservati