Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.


Itinerari

Da Capograsso alla Madonna del Pozzino

Mappa itinerario
Categoria: Valle della Cupa
S. Pietro in Lama (Le) - Lequile (Le)

Iniziare seguendo le indicazioni per San Cesario di Lecce. Dopo circa 150 m la strada si biforca: svoltare a Sx.Subito sulla Dx troviamo Villa da Ponte mentre sulla Sx i vivai Rizzo. Dopo 250m sulla Dx troviamo Villa Censina e subito dopo svoltare a Sx (proprio all’angolo c’è un eucalipto).Dopo 250 m si attraversa il Giardino Paradiso (costituito da due fabbricati rurali). Dopo 500 m si vede Villa Carilli; la strada piega con una curva a Sx e proseguendo si osserva, internato sulla Sx, un vecchio fabbricato (probabilmente un vecchio stabilimento vitivinicolo). Questa zona è denominata Case Sparse.

Dopo 500 m si raggiunge un incrocio (da questo punto è visibile a Sx il depuratore, e a Dx gli impianti sportivi e la piscina di San Cesario di Lecce): svoltare a Sx.Proseguire lungo la strada sterrata sino a raggiungere un boschetto di pino d’Aleppo. Costeggiare il boschetto e raggiungere la Masseria Buia quindi svoltare a Sx costeggiando la masseria. Seguire la strada, raggiungere un antico manufatto e di seguito gli altri edifici datati inizio secolo. La strada ritorna quindi ad essere asfaltata e delimitata su ambo i lati da muri. Poco dopo, sulla Sx si apre il parco di una villa privata. Si rientra così nel centro urbano di Lequile, svoltando alla prima strada a Dx e poi ancora a dx in direzione Lecce, sul vecchio tratto della strada statale n.101 Lecce – Gallipoli su cui si allinea Villa Olimpia e l’ingresso a Villa Maria. Da qui si torna indietro trovando sulla Dx i vivai Tarantino e poi di fronte la bella cupola in ceramica della chiesa di san Nicola di Lequile. Giunti alla chiesa svoltare a Dx seguendo le indicazioni che conducono al menhir Aia della Corte.

Dopo 200 m dalla chiesa si incontra un bivio: prendendo il ramo a Sx si raggiunge il menhir.Tornare indietro e attraversare il sottopassaggio della strada statale n.101, seguendo la via intitolata San Nicola Donadeo. Dopo lo svincolo di accesso della superstrada Lecce - Gallipoli, si trova sulla Dx il casino De Raho attualmente campo sperimentale per la ricerca delle sementi elette. E quindi si giunge all’incrocio con la provinciale n. 16 Lecce - San Pietro in Lama - Copertino di fronte al quale insiste Villa Spada Donadeo con annessa cappella. Svoltare a Dx sulla provinciale e dopo 200 m imboccare la prima strada a Sx, la quale si apre tra due muri. Dopo un tratto a serpentina si raggiunge la chiesetta della Madonna del Pisello. Qui svoltare a Sx (ci sono dei bellissimi esemplari di pino marittimo) e proseguire, dopo aver passato il casino Petrutti fino all’incrocio con la strada provinciale n. 11 San Pietro in Lama – Monteroni, che si attraversa. Dopo 50 m si apre un bivio che imbocchiamo a Dx e incontriamo subito sulla sx il casino Paladini immerso tra seminativi e vigneti, un tempo fabbrica di terracotta.

Quindi si raggiunge un quadrivio e si prosegue dritti lungo la strada vicinale asfaltata arredata con bei esemplari di cipresso. Qui il paesaggio cambia ed è caratterizzato da oliveti secolari. Dopo circa 1,5 km all’altezza di un altro quadrivio si svolta a Sx. Dopo 1,5 km sulla Dx è facile individuare dei campi di calcetto. Subito dopo sulla Dx in mezzo ad un seminativo è visibile una paiara ristrutturata. La strada prosegue a serpentina per qualche centinaio di metri sino a giungere ad un incrocio con la provinciale n. 16 Lecce - San Pietro in Lama - Copertino. Svoltare verso Dx lungo la provinciale e dopo un tratto di circa 300 m sulla Sx si individua la chiesetta della Madonna delle Macchie che è all’imbocco di un bivio tra la provinciale e una strada vicinale. Svoltare a Sx su questa strada vicinale asfaltata immersa in seminativi, vigneti e frutteti sino all’altezza di un quadrivio dove insiste la chiesetta dell’Immacolata.

Dopo una visita alla cappella svoltare a Sx. Dopo circa 1,5 Km, oltrepassato un centro sportivo che si trova sulla sinistra si giunge a un incrocio, si svolta a dx e dopo circa 200 m si trova la chiesetta Madonna del Pozzino. Dopo averla visitata tornare verso centro sportivo e svoltare a Dx sulla strada che costeggia il muro di cinta. Proseguire lungo questa strada (che conduce verso la periferia di San Pietro in Lama). Dopo 300m circa dal cartello di ingresso del paese, (sulla Sx sono visibili 3 esemplari di pino domestico) svoltare a Dx al primo incrocio. Dopo 300 m sulla Sx si incontra il casino S. Antonio con la cappelletta del santo mentre sulla Dx vi è un’altra villa antica con una piccola torre palombara ristrutturata. Dopo 500m si affronta il cavalcavia che oltrepassa la Lecce- Gallipoli e subito dopo si rientra in Lequile in zona Dragoni. Costeggiare l’edificio scolastico sulla Dx giungere all’incrocio successivo quindi svoltare a Sx e proseguire dritti sino a tornare nel centro storico di Lequile raggiungendo così alle auto.

Informazioni sul percorso

Mezzi consigliati: in auto, in bicicletta, a cavallo, a piedi
Lunghezza: Km 18
Tempo di percorrenza: 2,5 ore (in bicicletta)
Come arrivare: Raggiungere la chiesa Matrice nel centro storico di Lequile
Parcheggio: al piazzale antistante la chiesa Matrice

Visualizza la galleria immagini e gli approfondimenti

Tappe dell'itinerario

» Vai all'elenco degli itinerari suddivisi per categoria


ClioCom © copyright 2022 - Clio S.r.l. Lecce - Tutti i diritti riservati